La crescita di Sigla Credit «222 milioni di finanziamenti»

Lo sviluppo della presenza a livello commerciale, la digitalizzazione dei processi operativi e un consolidamento complessivo della struttura. Sono questi alcuni dei temi chiave che Sigla Credit, la società di Conegliano che è tra i principali operatori italiani nel settore dei prestiti personali e della cessione del quinto dello stipendio, ha affrontato nel corso della tradizionale convention annuale. La due giorni si inserisce sullo sfondo della recente operazione che ha portato il fondo dì investimento inglese Alchemy a rilevare la società dai precedenti proprietari, i fondi Dea Capital e Palamon Capital Partners. Si tratta di un momento cruciale per la nostra realtà che ha ora modo di rilanciare nuovamente il proprio percorso di sviluppo.
Fondata nel 1982, Sigla Credit è uno dei primi operatori di mercato tra le realtà indipendenti non appartenenti ad un gruppo bancario. Complessivamente, i finanziamenti erogati e distribuiti nel 2017 hanno toccato quota 222 milioni di euro. Negli ultimi quattro esercizi Sigla Credit ha pressoché raddoppiato il valore degli affidamenti, che sono passati dai 93,5 milioni del 2013 ai 180 registrati nel 2016 fino, per l’appunto, ai 222 toccati al 31 dicembre scorso. «Ora l’obiettivo è rafforzare ulteriormente la nostra presenza sul mercato – ha spiegato l’amministratore delegato Vieri Bencini, aprendo i lavori della convention – per riuscirci, accanto a un progressivo investimento per la crescita professionale del nostro personale affiancheremo delle iniziative mirate di innovazione con l’obiettivo di dare continuità a quanto svolto fino ad oggi che ci ha portato a digitalizzare pressoché completamente l’iter di concessione dei finanziamenti e la gestione delle pratiche dei clienti».

Comments are closed.